Archivi categoria: Eventi Consigliati

Ich bin die Schönheit. THE POWER OF SELFPORTRAIT

Ecco qui l´invito al prossimo Workshop di Fotografia Emozionale
sulla bellezza che si terrà
il 21.04.2018 dalle 11:00 alle 18:00
al SUSI Interkulturelles Frauenzentrum
(U7/U4 Bayerischer Platz).
Per maggiori informazioni e iscrizioni contattate:
info@petrafantozzi.com / 01743171261
 
(per le donne della Rete è previsto un ulteriore sconto di 5 euro)
 
Annunci

Cinema e Diversità. Un nuovo dialogo si apre a Berlino.

Ci sono volte in cui vogliamo essere diversi dagli altri per dimostrare che siamo speciali. Allora ci mettiamo un vestito più colorato o aggiungiamo un dettaglio particolare, eccentrico, al nostro look. Altre volte invece essere diversi può essere difficile, cambiare un dettaglio nel trucco e parrucco non basta. In alcuni casi richiede coraggio e per spiegare che nella diversità si è uguali agli altri si deve intraprendere una sfida personale.

Spesso chi è percepito come diverso deve giustificare la sua diversità agli altri e deve  esporsi in maniera decisa per esprimere i propri bisogni, quasi a chiedere di essere visto per quello che si è: come pari, perché questa diversità è solo superficiale. Queste giusitifcazioni, spiegazioni e richieste sono le storie  che vengono raccontate nei film della rassegna “Cinema e Diversità” organizzata dall’associazione “Artemisia e.V.”e dal cinema Klick. Sviluppatasi grazie all’impegno di Amelia Massetti con il sostegno di ReteDonne, Artemisia è una rete di genitori con figli disabili e non che, contando anche sull’aiuto di professionisti nel settore, vuole promuovere l’inclusione scolastica e sociale delle persone diversamente abili.

Tramite la visione dei film inclusi nella rassegna, Artemisia vuole mostrare come si può andare oltre alla facciata della diversità per scoprire che le persone diversamente abili non sono diversamente sensibili. Questi film fungono da premessa imprescindibile per imparare, nel caso non si conoscessero direttamente persone disabili, a comprendere i bisogni delle persone disabili – ovvero a capire che sono gli stessi bisogni che abbiamo tutti. Con questi incontri Artemisia offre un momento e un luogo per creare un dialogo pubblico e internazionale rispetto alle tematiche della diversità e per avvicinare chiunque sia coinvolto in questa realtà, che sia per motivi privati o professionali.

Grazie anche alla collaborazione con il cinema Klick, le curatrici Chiara Giorgi e Valeria Reghenzani del direttivo di Artemisia  hanno scelto cinque pellicole per  aprire un dialogo con il pubblico, che poi, auspicabilmente, verrà continuato con associazioni e istituzioni tedesche. I film sono “NOBODY´S PERFECT” , documentario di Niko von Glasow (15 ottobre), “THE SPECIAL NEED /(K)EIN BESONDERE BEDÜRFNIS”, documentario di Carlo Zoratti (29 ottobre), “ICH, DU, INKLUSION”, documentario di Thomas Binn (12 novembre), :“ACT, WER BIN ICH?”, documentario di Rosa von Praunheim (26 novembre) ed infine “LA PAZZA GIOIA”, film di Paolo Virzì (10 dicembre).

Questi film sono una piattaforma ideale per far scaturire una coscienza pubblica riguardo al tema della diversità, inizio fondamentale per poter raggiungere l’obiettivo ultimo di Artemisia, ovvero promuovere l’inclusione scolastica e quindi sociale dei nostri figli, fratelli e amici diversamente abili. ReteDonne Berlino, in quanto piattaforma di dicussione a sostegno di una miglior integrazione di italiane e italiani in Germania, accoglie con entusiasmo l’iniziativa di Artemisia e augura una fruttuoso dialogo a tutti i presenti.

Le proiezioni si terranno sempre di domenica alle ore 11 al Klick Kino – Windscheidstrasse 19, 10627 Berlino. Ad ogni proiezione segue un aperitivo che accompagnerà un dibattito sul film. Per dettagli sul cinema: http://www.klickkino.de. Per ulteriori informazioni sulla rassegna Cinema e Diversità”: http://www.artemisiaprojekt.de/it/cinema-e-diversita-rassegna-cinematografica/

Martedì 7 novembre alle ore 18.00 si terrà il 18° Incontro Artemisia e.V. durante il quale si può portare avanti, e approfondire, il dialogo sul tema della diversità. con il prossimo incontro Artemisia vuole analizzare la conoscenza della sindrome di Down. L’incontro è aperto a tutti gli interessati e si svolgerà nella sede dell’associazione “ANE – Arbeitskreis Neue Erziehung e. V.” in Hasenheide 54,10967 Berlin (2°cortile-2°piano).

 

Ausstellung RE-BILD 17

ReteDonne e.V. freut sich Ihnen zur Eröffnung der Ausstellung RE-BILD 17 einladen zu dürfen.

Nach einem Sommer voller visuelle malerischen Auseinandersetzungen, werden sich 10 geflüchtete Familien durch ihre großformatigen Portraits in zwei Orten der 7. Familiennacht präsentieren.

Bitte lesen Sie noch mehr unter: www.jfsb.de

 

“LA MASCHERA COME MEZZO DI ESPRESSIONE”. Workshop per donne emigrate e rifugiate

  • Costruire e pitturare maschere
  • Esprimersi attraverso il movimento corporeo
  • Documentazione tramite il formato “fotografia emozionale”

Il gruppo di ReteDonne Berlino ha concepito e organizza un workshop interdisciplinare sulla maschera come mezzo di espressione.

Con l’aiuto della propria fantasia e creatività le partecipanti al workshop produranno, pittureranno e porteranno in vita tramite il movimento del proprio corpo maschere in gesso e una particolare carta proveniente da Venezia.

Il lavoro creativo della creazione delle maschere aiuta una miglior comprensione di una lingua universale che lega ed accomuna tutte le culture. La maschera è un potente strumento di espressione e, in virtù di ciò, un mezzo di comunicazione. Essa facilita la comunicazione e aiuta a superare barriere linguistiche.

Il corso si terrà:

  • venerdì 6 ottobre dalle ore 17 alle ore 20
  • sabato 7 ottobre dalle ore 10 alle ore 17
  • sabato 14 ottobre dalle ore 10 alle ore 17
  • domenica 15 ottobre dalle ore 14 alle ore 17

La partecipazione è gratuita, per registrarsi contattare la referente del corso Rachelina Giorndano (Tel.: 030 693 1118 o 0171 96 27 567).

Il workshop è organizzato nel quadro dell’iniziativa “MUT” grazie al sostegno di ReteDonne, Damigra e del Ministero tedesco degli affari in materia di migrazione e integrazione.

 

NÄCHSTER HALT: Berlin-Global-Village

DaMigra e Rete Donne Berlino invitano tutti alla Festa di Apertura del Berlin Global Village. Mercoledi 14.06.2017 (vedi programma in allegato) 

Nell´occasione verrà proiettato in anteprima il documentario “Nächster Halt”, un progetto MUT nato dall´unione creativa di due nostre associate e dal supporto di Rete Donne Berlino e DaMigra, patrocinato dal BAMF (Bundesamt für Migration und Flüchtlinge).

Il film, prodotto e diretto da Petra Fantozzi, nasce da un´idea di Eloisa Guarracino ed è stato uno dei due lavori finanziati dai progetti MUT 2016. Dopo la proiezione si terrà il dibattito con l´artista e con una delle protagoniste del film Bolormaa Billing.

La proiezione di “Nächster Halt” è prevista per le 19:30 Am Sudhaus der Berliner Kindl-Brauerei (Neukölln). Vi aspettiamo.

 

Un viaggio emozionale tra Fotografia e Introspezione

Come si rappresenta un concetto astratto quale “in disparte/discosto/fuori luogo”? L’artista Petra Fantozzi ha scelto di dare una declinazione personale a questa parola che può comprendere gli aspetti più vari. Nell´ambito del Seminario di Grit Schwerdtfeger della rinomata scuola di fotografia berlinese Ostkreuzschule für Fotografie, Petra Fantozzi ha deciso di interpretare il tema della mostra, “Abseits”, partendo dalla propria esperienza personale: ad essere fuori posto è lei stessa. Il risultato è un lavoro introspettivo che percorre spazio e corpo in moto ondeggiante, quasi trascinato dalla corrente del mare, un progetto personale che rielabora il concetto di identità in modo  intimo e pacato. L’elemento femminile emerge in maniera forte già dal titolo: “Quando la Luna mi chiamò Figlia” ed è il filo conduttore tra le foto (Vernissage 24.03.2017 – ore 19:00 / Aff Galerie, Kochhannstrasse 14, 10249 Berlino)

Petra Fantozzi

Questo progetto fotografico segna un altro tassello nel percorso di ricerca dell´artista interdisciplinare; l´opera di debutto “Létező falak. Existing walls” è stata prodotta con il supporto di Rete Donne Berlino ed esposta in ambito della mostra “Erfüllbare Träume? Italienerinnen in Berlin” al Museum Europäischer Kulturen per quasi due anni. La serie fotografica “Quando la Luna mi chiamò Figlia” porta avanti questa ricerca, ma in maniera più equilibrata, suggerendo una maturazione dell’artista grazie ai toni morbidi e delicati delle fotografie.

Con lei, in questo viaggio emozionale, c´è il suo ritrovato strumento di lavoro, la macchina fotografica, che si trasforma presto in un´appendice fisiologica e una confidente paziente. Per un anno si racconta, davanti e dietro la lente, dando vita ad una produzione vasta ed eterogenea in continua trasformazione. Dai primi scatti, crudi ritratti in bianco e nero, si arriva al colore passando per lo sfocato e il mosso. Un percorso di ricerca che sperimenta ogni tecnica fotografica col fine di esprimersi al meglio.

Petra Fantozzi

Da qui nasce il desiderio di creare un percorso disciplinare che consenta di unire la padronanza del mezzo tecnico e la forza dei sentimenti. Il corso di FOTOGRAFIA EMOZIONALE, che partirà a Berlino il 12 aprile 2017, è il frutto di anni di esperienza fotografica (sia professionale che artistica) e vuole portare ogni partecipante alla consapevolezza del fotografato. Ogni fotografo scatta ricercando l´emozione; questo corso non è diverso, auspica anzi a fornire al partecipante i mezzi necessari per poter esprimere il proprio potenziale (emozionale e tecnico) al meglio, in modo da guidarlo al perfezionamento dello stile fotografico e del linguaggio visivo, rendendolo consapevole della forza che si cela dietro la produzione fotografica.

Il primo corso è strutturato in 5 lezioni di due ore ciascuna ed è aperto a tutti coloro che hanno curiosità e interesse a un’esplorazione emozionale attraverso l´uso della macchina fotografica. Tutte le conoscenze tecniche necessarie verranno fornite durante il corso, per cui anche chi non avesse domestichezza con la macchina fotografica è invitato a partecipare.

Il corso avrà luogo all´atelier ArTer dell´arteterapeuta Marco Fiamin (Elberfelderstr. 6 – 10555 Berlin) e verrà introdotto da una serata informativa che si terrà il 28 Marzo ore 19:00 (stesso luogo).  Durante il corso sono previsti momenti di condivisione, di lavoro individuale e di gruppo. In ogni lezione verranno inoltre introdotte tecniche di canalizzazione emotiva con focalizzazione sul respiro, punto di partenza di questo viaggio.

Per maggiori informazioni vedi evento Facebook a questo link:

Corso di Fotografia Emozionale: Tecnica & Introspezione

Donne nella Costituzione italiana. Per una nuova definizione di famiglia

Ne abbiamo parlato un anno fa in occasione della giornata internazionale della donna e nei nostri incontri, ora la proposta di modificare l’articolo 37 della Costituzione italiana si fa di nuove sentire. Liana Novelli, presidentessa del Coordinamento donne italiane a Francoforte, ripete la necessità di correggere la definizione del ruolo femminile nella famiglia esplicitato dalla Costituzione – “essenziale” non è accettabile.

 

Questo il link per leggere l’ articolo di Liana Novelli: http://temi.repubblica.it/micromega-online/la-piramide-demografica-italiana-e-il-ruolo-delle-donne-nella-costituzione-una-proposta-di-modifica-dellart-37/