RDB Riunione 2016 – marzo – i temi trattati

Anche questa sera abbiamo aperto le danze con la presentazione di una nuova partecipante all’incontro di ReteDonne Berlino: arrivata, anzi, precisamente ritornata a Berlino dopo avervi già vissuto per oltre cinque anni, è una ricercatrice presso il Centro Studi Podresca e lavora per Save The Children Italia. Qui sta per  presentare L’arte di educare, un corso di studio per insegnanti in lingua italiana e genitori che si terrà da aprile a luglio 2016 presso la SI–Scuola Italiana Centro Culturale italo-tedesco.

 

Successivamente la Presidente Lisa Mazzi ci ha aggiornato sulla probabile creazione a Lipsia, nel novembre di quest’anno, di un nuovo Gruppo di Rete Donne.

 

Lisa, che in rappresentanza di Rete Donne ha partecipato pochi giorni fa alla giornata di lavoro Barcamp Frauen (http://barcampfrauen.de/), ha  condiviso con le presenti i dettagli del workshop, in particolare la partecipazione due giovani sorelle rifugiate dalla Siria, che sono state accolte al campo profughi  allestito a Tempelhof. Le due ragazze hanno raccontato la loro dolorosa esperienza, affrontata insieme ad altre donne e bambini, e le difficoltà di un tale viaggio, durante il quale le donne sole sono esposte ad ogni forma di violenza. La testimonianza ha toccato il tema della grande diversità culturale: le donne che viaggiano senza la compagnia di un uomo vengono considerate prive di onore e, pertanto, sono spesso soggette a violenza. Partendo dalla riflessione del grave trauma psichico che queste violenze creano, si è parlato della possibilità di organizzare un incontro tra RDB, queste ragazze incontrate al Barcamp e le responsabili di Moabit Hilft (http://moabit-hilft.com/).

 

 

Abbiamo ricordato l’appuntamento del 20 marzo al MEK (Museo delle Culture Europee) a Dahlem dove, dopo la Führung della nostra mostra condotta da Giovanna Tonelli, si terrà un incontro con le giornaliste Tonia Mastrobuoni di Repubblica e Tiziana Boari di RAI Bz sul tema: “Zu Hause im zwei Länder? Freuden und Leiden von Menschen mit binazionalen Eltern“, con la moderazione di Lisa Mazzi.

 

A seguito dell’intervento di Cinzia della Giacoma all’incontro dell’8 Marzo organizzato dal Comites e Bocconcini di Cultura, al quale ha partecipato in rappresentanza di Rete Donne, si è discusso sulla proposta di modifica dell’art. 37 della Costituzione italiana. Sono nate riflessioni interessanti, ovvero se questo articolo rifletterebbe o meno l’immagine della donna contemporanea. Rete Donne Francoforte, che aveva sollecitato tale riflessione, aveva sposato la necessità di modificare la seconda parte dell’articolo, frutto del dibattito che da alcuni anni avviene in Italia ad opera di molte intellettuali italiane quali Dacia Maraini o Lea Melandri. Si è riflettuto inoltre sullo spirito dell’art. 16 della Costituzione tedesca, nella parte in cui prevede che beide Eltern si occupino della famiglia. L’intervento di Cinzia verrà pubblicato sulla Rivista “Rinascita“ di Monaco.

 

Abbiamo ricordato infine l’appuntamento del 4 aprile dove Ilaria Fioravanti presenterà: “La mia lingua è l’immaginazione“ Mappe mentali e Pensiero visivo per una didattica inclusiva, in occasione del prossimo incontro del Progetto Artemisia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...