Resoconto del convegno organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung sulla nuova migrazione europea 18.11.2014

Il Motto del convegno era ” assicurare la libera circolazione all’interno dell’EU e promuovere la migrazione dei lavoratori”

Il rappresentante del Ministero federale per il lavoro e gli affari sociali ha sottolineato la compattezza del governo tedesco nel voler assicurare la libera circolazione prevista per la prima volta nei “Trattati di Roma” del 1957, (anche se realizzata nella prassi per i cittadini dei paesi membri solo una decina di anni piú tardi). La Statistica sulla presenza di cittadini EU in territorio federale il 31.12.2013 registrava 3 milioni di persone. Al primo posto Grecia e Italia.

Per contrastare le forme di abuso  riguardo alle pretese di usufruire dei sussidi sociali previsti in Germania, entrerá, se ratificata anche al Bundesrat, in vigore una nuova legge dall’1.1.2015 che prevede alcune retrizioni in materia.

Attualmente i cittadini EU che immigrano in Germania non hanno alcun diritto al mantenimento da parte dello Stato. Solo se trovano un lavoro, anche se con salario minimo, possono fare domanda di ottenere eventualmente una cosiddetta “Aufstockung” cioé un assegno “in piú”. Di regola gli unici assegni fruibili sono :Kindergeld e Betreuungsgeld, vale a dire quelli che si ricevono se si hanno figli e bambini Piccoli.

La nuova legge sulla mobilitá prevede anche che se un cittadino EU perde il posto di lavoro avrá solo sei mesi di tempo per trovarne un altro altrimenti deve tornare in patria. Questa norma, davvero molto severa é attualmente oggetto di critiche e di discussione. Il diritto al  trattamento paritario con un  cittadino tedesco é concesso al cittadino EU solo dopo cinque anni di permanenza lavorativa in Germania. La prassi peró dimostra che molte di queste persone rimangono e vivono in uno stato di grave indigenza.

La Germania comunque sta anche cercando di realizzare le strutture necessarie affinché la maggior parte dei cittadini EU possano trovare lavoro qui e sopratutto affinché non diventino vittima di sfruttamento da parte di alcuni datori di lavoro. Degno di nota é in questo ambito il progetto del DGB di Berlino “faire Mobilität” http://www.faire-mobilitaet.de che si ripropone anche di sostenere e promuovere il lavoro giovanile (Job of my life)

L’Agenzia del Lavoro Arbeitsagentur é favorevole ad incentivare la preparazione all’emigrazione nei paesi di provenienza secondo il Motto “Know before you go” tramite il progetto ” Mobipro” e gli addetti EURES finanziati da Bruxelles a preparare i giovani intenzionati a venire in Germania

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s